I 20 migliori riff di chitarra

La maggior parte delle migliori canzoni rock o pop hanno un ritornello killer, molte delle quali hanno generato alcuni dei migliori riff di chitarra di tutti i tempi.

In poche parole, un riff di chitarra è una sequenza ripetuta di note o accordi e un riff davvero buono può far sì che una buona canzone diventi epocale.

Non è sempre solo una questione di virtuosismo: un buon riff può certamente essere molto semplice, ma se è orecchiabile e abbastanza accessibile, può davvero raggiungere e scuotere un vasto pubblico.

Quindi, come tributo agli eroi della “sei corde” che hanno cambiato il corso della musica rock e pop, ci siamo cimentati nell’esercizio di compilare una lista dei 20 migliori riff di chitarra di tutti i tempi.

20. GREEN DAY – WHEN I COME AROUND (1994)

Dookie, l’album che ha portato i Green Day al successo, era pieno di inni pop punk radiofonici, e i riff di chitarra ordinati del frontman Billie Joe Armstrong hanno giocato un ruolo importante nel successo del disco.

When I Come Around, una delle canzoni più memorabili del disco, segue i precedenti successi statunitensi della band, Longview e Basket Case, e spinge questo brano in cima alle classifiche statunitensi, probabilmente grazie al riff più tagliente e accattivante di Armstrong.

È davvero uno dei migliori riff di chitarra rock che serve come forza trainante a questa canzone, cosa certamente ovvia se si considera che When I Come Around è rimasto il singolo dei Green Day con la più alta classifica radiofonica fino a quando Boulevard of Broken Dreams lo ha detronizzato un decennio dopo.

19. VAN HALEN – AIN’T TALKIN’ ‘BOUT LOVE (1978)

Sorprendentemente, Eddie Van Halen originariamente scrisse Ain’t Talkin’ ’bout Love come parodia. Infatti, non la considerava abbastanza buona da presentarla agli altri membri della band e ha aspettato un anno dopo averla scritta per farlo, ammettendo che la canzone doveva essere solo una parodia punk rock: “Era una cosa stupida da fare per noi, solo due accordi. Alla fine non suonava punk, ma questa era l’intenzione originale”.

Apparso sul primo album dei Van Halen, il famoso riff della canzone ha ispirato aspiranti shredder in tutto il mondo, per via del suo tocco più duro e punk rispetto a qualsiasi altra band rock tradizionale. Il fatto che artisti hip-hop come Tone Lōc e 2 Live Crew l’abbiano campionata e che band diverse come The Minutemen e Mighty Mighty Bosstones abbiano coverizzato la canzone, rafforza l’idea che Eddie Van Halen ha fatto qualcosa di veramente innovativo con Ain’t Talkin’ ’bout Love, anche se è stato più casuale che intenzionale.

18. CREAM – SUNSHINE OF YOUR LOVE (1967)

Probabilmente il più grande successo dei Cream, Sunshine of Your Love fu quello che diede a questo brillante quanto breve super gruppo rock una svolta significativa negli Stati Uniti, raggiungendo la posizione numero 5 nella Billboard Hot 100.

La famosa melodia principale della canzone, tuttavia, ha un’origine molto meno estranea agli albori della band, in quanto il suo avvolgente riff deriva da una linea di basso che Jack Bruce scrisse dopo essere stato folgorato da un concerto della Jimi Hendrix Experience al Saville Theatre di Londra nel gennaio 1967. Ginger Baker ha poi apposto il suo caratteristico ritmo di tom di batteria e Eric Clapton ha composto il riff ormai leggendario della canzone, che utilizza una scala pentatonica a cui è stata aggiunta una quinta diminuita – in termini semplici, una scala blues.

17. NEW ORDER – CEREMONY (1980)

Anche se scritta dai Joy Division con testi di Ian Curtis, Ceremony non fu propriamente messa su nastro fino a quando la band non si ribattezzò New Order dopo la morte di Curtis nel maggio 1980.

Musicalmente, questo inno malinconico è una specie di colpo da maestro, con la batteria roteante di Stephen Morris e una delle famose linee di basso di Peter Hook sostenute dagli accordi striduli di Bernard Sumner mentre parte la canzone.

Tuttavia, è quella maestosa linea di chitarra che Sumner stende nel ritornello della canzone e nella sua conclusione che appartiene totalmente a i migliori riff di chitarra di tutti i tempi.

16. THE STOOGES – I WANNA BE YOUR DOG (1969)

Sfruttando il potere della ripetitività quasi un intero decennio prima che diventasse la firma musicale di Mark E. Smith, l’album di debutto degli Stooges e il suo viscerale seguito, Fun House, erano generosamente pieni di brillanti brani rock, la maggior parte dei quali erano basati sul martellamento di un singolo riff consumato fino all’osso per quattro minuti.

Segnando di fatto il sentiero in cui il futuro movimento punk si sarebbe precipitato, gli Stooges raggiunsero il loro apice con I Wanna Be Your Dog, costruito attorno al riff di tre accordi del chitarrista Ron Asheton (G, F# e E ripetuto all’infinito), riff la cui potenza primordiale sorprende ancora oggi.

15. BLUR – SONG 2 (1997)

La trilogia Britpop dei Blur – Modern Life Is Rubbish, Parklife e The Great Escape – li ha resi una leggenda in patria nel Regno Unito, ma sono diventati un vero successo negli Stati Uniti solo dopo aver adottato un suono rock alternativo più duro nel loro quinto album omonimo.

Uno dei brani di spicco di quest’ultimo, Song 2, è stato concepito come un esercizio di canto usa e getta, ma ironicamente è ora considerata una delle migliori canzoni dei Blur dell’epoca, e non è invecchiata per niente.

Una delle ragioni è il contributo del chitarrista Graham Coxon, con i suoi riff mostruosi che si dimostrano essenziali per il successo della canzone.

“La voce originale doveva essere un fischio”, ha detto Coxon a Record Collector nel 2012, “ma ovviamente stavamo facendo così tanto rumore che era impossibile da sentire, così l’abbiamo sostituito con un ‘woohoo’ e ci ho messo sopra un sacco di pedali [di chitarra]”.

14. TELEVISION – SEE NO EVIL (1977)

Insieme a David Bowie’s Low, il maestoso album di debutto dei Television, Marquee Moon ha aiutato a fondare il post-punk anche quando il punk era ancora in pieno svolgimento.

Angolare ed etereo, mostrava un virtuosismo in contrasto con i tempi, con i suoi due chitarristi principali, Tom Verlaine e Richard Lloyd, che suonavano l’uno contro l’altro con un effetto spettacolare. Come rivelano canzoni come See No Evil, Friction e Prove It, i Television erano anche maestri del riff per eccellenza, la melodia ciclica e inquieta di See No Evil si ritagliava un posto tra i migliori riff di chitarra del rock con facilità.

13. NIRVANA – SMELLS LIKE TEEN SPIRIT (1991)

Il riff che ha segnato l’inizio di un’intera generazione, la famosa introduzione di Kurt Cobain alla celeberrima hit dei Nirvana rifletteva il suo amore per i Pixies, una famosa band americana di rock alternativo, e il loro uso della dinamica. “Stavo cercando di scrivere la canzone pop definitiva”, disse Cobain a David Fricke della rivista Rolling Stone. Devo ammettere che stavo praticamente cercando di plagiare i Pixies. Quando li ho sentiti per la prima volta, ho sentito un legame così forte con quella band che ho sentito che avrei dovuto farne parte, o almeno in una cover band dei Pixies. Abbiamo usato il loro senso della dinamica, essendo morbidi e tranquilli all’inizio, prima di suonare forte e duro”.

Nella stessa intervista del febbraio 1994, Cobain notò anche che il riff principale della canzone suonava come quello della hit More Than a Feeling del 1976 dei Boston, anche se non era identico e questo non era intenzionale. Cobain ha così dichiarato: “Era un riff davvero cliché, molto simile a un riff dei Boston o a Louie Louie dei Kingsmen”.

12. AC/DC – BACK IN BLACK (1980)

Se c’è una gruppo hard rock che si è specializzato in riff killer per quasi mezzo secolo, sono certamente gli AC/DC, nominati “la band più riffosa” dalla rivista Classic Rock.

Tuttavia, se dovessimo parlare di un solo momento eterno da classificare tra i migliori riff di chitarra di tutti i tempi, allora non possiamo che scegliere quello della loro hit del 1980, Back in Black. Puro e sublime nella sua semplicità, questo monumento è ora parte del tessuto stesso del rock.

Come ha detto Louder nel 2020: “È una canzone pesante che si rivolge a tutti, dai papà ai single alle vecchiette che colpiscono i bambini rumorosi sulla testa con i loro bastoni. Ed è tutto grazie a quel monumentale, mostruoso riff di tre accordi, senza fronzoli di sorta”.

11. BLACK SABBATH – IRON MAN (1970)

Un po’ come gli AC/DC, i Black Sabbath devono essere obbligatoriamente inclusi in ogni lista di migliori riff che si rispetti. Nello stesso modo in cui i fratelli Young degli AC/DC hanno creato innumerevoli punti fermi del rock, il chitarrista dei Black Sabbath Tony Iommi è l’autore di molti famosi brani pesanti, tra cui War Pigs, Paranoid e Sweet Leaf. Tuttavia, forse il suo riff più memorabile è quello bellissimo di Iron Man dall’album Paranoid.

Originariamente chiamato così perché Ozzy Osbourne pensava che gli ricordasse “un grassone fatto di ferro”, il riff di Iommi è stato concepito quando ha iniziato a riffare su un ritmo che il batterista dei Sabbath Bill Ward stava improvvisando durante le prove: “La maggior parte dei riff che ho scritto, li ho scritti sul momento, ed è quello che è successo anche qui. È uscito così”, disse poi Iommi alla rivista Far Out. “Andava con la batteria, con quello che Bill stava suonando. Stavo immaginando questa cosa nella mia mente, qualcuno che strisciava verso di me. Nella mia testa era come un mostro e quel riff mi è venuto subito in mente”.

10. THE BEATLES – DAY TRIPPER (1965)

John Lennon basò l’ossessionante riff di chitarra di Day Tripper sul singolo del 1961 Watch Your Step dell’artista rhythm ‘n’ blues americano Bobby Parker, che aveva già ispirato la hit dei Beatles del 1964 I Feel Fine.

Due battute, un accordo: il riff ciclico di Lennon è stato cruciale nel dare a Day Tripper la sua forma complessiva, il suo motivo accattivante che apre e chiude la canzone, oltre a formare la base dei versi. Day Tripper fu scritta durante le prime sessioni di registrazione per il sesto album dei Beatles, Rubber Soul, ma mentre la canzone fu pubblicata con il solito credito al duo Lennon / McCartney, Lennon disse in seguito allo scrittore David Sheff: “È mia. Compreso il lick, il break di chitarra e tutto il resto della canzone”.

9. CHIC – GOOD TIMES (1979)

Probabilmente la canzone più popolare degli Chic, Good Times è una perla storica per una moltitudine di ragioni.

Un vero e proprio brano sensazionale che ha scalato le classifiche statunitensi all’apice della mania della discoteca, è stato nominato singolo soul #1 nelle classifiche di Billboard nel 1979.

Vendendo oltre cinque milioni di copie, è considerato il singolo più venduto nella storia della Atlantic Records. Il riff super cool e funky di Nile Rodgers è uno degli elementi chiave di questo inno da pista: sofisticato e irresistibilmente orecchiabile, da allora ha goduto di una vita straordinaria come uno dei brani più campionati nella storia della musica.

8. THE ROLLING STONES – (I CAN’T GET NO) SATISFACTION (1965)

Sarebbe impossibile oggi pensare al brano (I Can’t Get No) Satisfaction senza il leggendario fuzzbox di Keith Richards che apre il brano. Eppure, quando ha scritto la canzone, Richards ha immaginato la frase di apertura suonata dagli ottoni. Come disse in seguito al giornalista Ian MacPherson: “Era solo una piccola bozza, perché nella mia mente il fuzz era effettivamente lì per dare un’idea di come avrebbe suonato con una sezione di fiati”.

Tuttavia, quando i Rolling Stones registrarono la versione finale della canzone agli RCA Studios di Hollywood nel maggio 1965, il riff di Richards, sublimato dal suo pedale fuzz Gibson Maestro, prese un posto d’onore nel cuore del pubblico fornendo il gancio vitale della canzone, diventando nel processo uno dei migliori riff di chitarra di tutti i tempi. Infatti, non solo Satisfaction fu un successo mostruoso, ma diede una tale spinta alle vendite di fuzzbox della Gibson che l’intero stock dell’azienda sarebbe stato venduto entro la fine del 1965.

7. THE SMITHS – THIS CHARMING MAN (1983)

Dopo che Aztec Camera, che era di proprietà della stessa etichetta, Rough Trade degli Smiths, ottenne un airplay diurno su BBC Radio 1, il chitarrista Johnny Marr pensò che la sua band aveva bisogno di una canzone orecchiabile in una chiave maggiore se volevano entrare nella classifica dei singoli. Di conseguenza, scrisse la musica per This Charming Man in tempo per la successiva apparizione della band allo show radiofonico di John Peel.

Non appena Geoff Travis della Rough Trade la sentì, il capo dell’etichetta si convinse che la canzone aveva un potenziale da singolo. Marr, tuttavia, non aveva ancora finito e, con l’aiuto del produttore John Porter, aggiunse l’indimenticabile riff di apertura della canzone, collocandola tra le migliori canzoni degli Smiths di sempre. Cinque secondi di beatitudine esplosiva sono bastati al piccolo riff di Marr per aiutare This Charming Man ad entrare nella Top 30 del Regno Unito. Come il biografo degli Smiths Tony Fletcher scrisse in seguito: “Ha dimostrato che un buon intro di chitarra può vendere un’intera canzone“.

6. THE JIMI HENDRIX EXPERIENCE – VOODOO CHILD (SLIGHT RETURN) (1968)

Anche se Voodoo Child (Slight Return) è senza dubbio una delle canzoni simbolo di Jimi Hendrix, è stata letteralmente composta sul posto. Con l’aiuto dei musicisti ospiti Steve Winwood e Jack Casady dei Jefferson Airplane, Hendrix aveva già composto una lunga canzone bluesy chiamata Voodoo Child durante le sessioni di registrazione di Electric Ladyland, prima di tornare sullo stesso tema quando si riunì in studio con la sua abituale sezione ritmica, Mitch Mitchell e Noel Redding, per un documentario girato dalla rete televisiva americana ABC.

Redding ha poi rivelato: “Abbiamo composto quella canzone in studio… Le telecamere erano su di noi mentre la suonavamo”. La band si è davvero immersa nell’atmosfera oscura e cupa di Voodoo Child (Slight Return) e ha registrato otto take, l’ultima delle quali è diventata quella che è passata alla storia. Il tutto è stato un’impresa, ma il superbo riff introduttivo di Hendrix è uno dei più iconici di sempre nel mondo della chitarra elettrica.

5. THE KINKS – YOU REALLY GOT ME (1964)

Probabilmente la prima canzone scritta usando i power chords (quinte e ottave perfette), il riff risoluto che Dave Davies ideò per dare il via al primo grande successo dei Kinks, You Really Got Me, non avrebbe potuto essere più rivoluzionario. Tuttavia, non era tanto per quello che Dave suonava, quanto per il suono distorto che otteneva tagliando il cono dell’altoparlante del suo amplificatore con una lametta e infilzandolo con uno spillo.

L’amplificatore in questione, chiamato affettuosamente Little Green dal nome della marca di apparecchiature prodotte dalla società Elpico, era stato acquistato in un negozio di musica nel quartiere di Davies. Il suono meravigliosamente schifoso che ha creato è stato anche emulato, il riff principale di You Really Got Me da allora è stato valutato come base e punto di partenza per il garage rock, il metal e il proto-punk. Tuttavia, la leggenda che il riff sia stato effettivamente eseguito da Jimmy Page piuttosto che da Dave Davies, una storia che ha messo in ombra la canzone per anni, è in realtà completamente falsa.

4. DAVID BOWIE – REBEL REBEL (1974)

La carriera di David Bowie è stata ovviamente arricchita dalla presenza di divinità della chitarra come Mick Ronson o Earl Slick, ma il leggendario riff che porta il suo classico del 1974 Rebel Rebel dall’album Diamond Dogs è interamente opera sua. Anche se ha chiesto al chitarrista Alan Parker di suonarla nella registrazione finale.

Con solo due accordi (D e E), questo riff è, come scrisse in seguito il giornalista Kris Needs, “un classico che ti rimane in testa, come Satisfaction degli Stones”. Con un riff così orecchiabile, Rebel Rebel fu immediatamente identificato come una hit e naturalmente raggiunse il quinto posto in classifica, prima di essere coverizzata da artisti diversi come Rickie Lee Jones, Dead or Alive e Sigue Sigue Sputnik.

3. NEIL YOUNG & CRAZY HORSE – CINNAMON GIRL (1969)

Il New Musical Express ha descritto Cinnamon Girl come “un esempio di proto-grunge nel 1969”, con il riff principale della canzone che ha un suono fantasticamente sporco e grunge che deriva in parte dal fatto che è stato scritto accordato in doppio drop-D (D, A, D, G, B, D). Questo ha permesso a Neil Young e alla sua controparte chitarristica dei Crazy Horse, Danny Whitten, di suonare power chords a barrè sulle corde basse delle loro chitarre, pur mantenendo un pedale D negli alti, aggiungendo molto colore agli accordi della canzone.

Oltre a presentare uno dei migliori riff di chitarra di tutti i tempi, Cinnamon Girl include anche un “assolo di una nota”, composto in gran parte da un singolo D, pulito e ripetuto più volte. Tuttavia, per Neil Young, “la gente dice che è un assolo di una sola nota, ma nella mia testa, ognuna di quelle note è diversa. Più ti addentri, più senti le differenze”.

2. LED ZEPPELIN – WHOLE LOTTA LOVE (1969)

L’intero catalogo dei Led Zeppelin è, ovviamente, disseminato dei riff fantastici di Jimmy Page, e anche quelli di Immigrant Song o Kashmir avrebbero potuto facilmente entrare in questa lista dei migliori riff di chitarra. Tuttavia, quando si tratta di fare una scelta, il modello articolato e seducente che ha ideato sull’intro di Whole Lotta Love rimane per noi l’apice della padronanza dei riff di Page.

La sua popolarità non è mai venuta meno: per anni i fan del Britpop hanno sentito Whole Lotta Love come sigla di Top of the Pops e nel 2014 la canzone è stata anche votata come miglior riff di tutti i tempi in un sondaggio della BBC.

Entrando nel dettaglio di come ha concepito l’apertura iconica della canzone, Page ha detto alla BBC: “Volevo un riff che commuovesse davvero, che la gente capisse e che la facesse sorridere. Quando l’ho suonato con la band, l’effetto è stato davvero forte. L’aspetto generale del riff era intenzionale, era minaccioso ma in qualche modo simile ad una carezza”.

1. DEEP PURPLE – SMOKE ON THE WATER (1972)

Non solo è in cima alla nostra lista dei migliori riff di chitarra, quello leggendario di Smoke on the Water dei Deep Purple, ma contiene probabilmente il riff rock più importante di tutti: quello che ogni chitarrista rock che si rispetti deve padroneggiare prima che lui o lei possa sperare di iniziare a suonare.

Eseguito da Ritchie Blackmore, il riff di Smoke on the Water è facilmente identificabile dal suo motivo centrale. Ancora considerata una delle migliori canzoni dei Deep Purple, l’ispirazione principale per il riff di Smoke on the Water è relativamente inaspettata: la Sinfonia n. 5 di Beethoven. “Gli devo un sacco di soldi”, scherzò in seguito Blackmore – che invertì il famoso tema del compositore tedesco – al biografo dei Deep Purple Dave Thomson.

À propos de l'auteur

Alex
Alex
Passionné de musique depuis que j'ai entendu mes premières notes de piano et webmaster à mes heures perdues. J'ai décidé de créer ce site pour vous apporter (je l'espère) des connaissances sur les instruments de musique et tester ceux que je trouve les plus intéressants pour un musicien.

Top Instrus 🎸

Partitions 🎵