I 20 migliori chitarristi del mondo

Numerosi musicisti hanno rivoluzionato la musica e contribuito a definire il suono delle loro rispettive epoche.

Da riff taglienti a strimpellamenti vigorosi, il ruggito di sei corde d’acciaio attaccate a un pezzo di legno e messe sotto distorsione non ha mai mancato di risvegliare il pubblico al potere della musica

Collegati ai loro amplificatori con il volume alzato, i migliori chitarristi di tutti i tempi hanno spesso accompagnato il loro impressionante e prodigioso talento musicale con buffonate sul palco, lasciandoci affamati di altre esperienze che cambiano la vita. Questi 20 chitarristi iconici hanno elettrizzato il mondo e vale sempre la pena alzare il volume al massimo.

20. JOHNNY MARR

JOHNNY MARR

Con i suoi scintillanti riff jangle pop che completano i testi asciutti del cantante Morrissey, il chitarrista degli Smiths Johnny Marr ha passato gran parte degli anni ’80 a dominare la scena indie di Manchester.

Il vorticoso assalto sonoro di How Soon Is Now e il brillante riff di apertura di This Charming Man sono un’ampia giustificazione del perché Marr sia stato così influente.

Marr ha abilmente combinato il contegno austero di Keith Richards e i suoi occhiali da sole con i suoni minimalisti e sfumature funk di Nile Rodgers.

Unendo i fan dei dischi di tutto il mondo con il suono vibrante della sua chitarra, Marr ha contribuito a rendere gli Smiths una band generazionale. Senza il fuoco di Johnny Marr, le migliori canzoni degli Smiths non continuerebbero ad essere così stimolanti e senza tempo fino ad oggi.

Da ascoltare: How Soon Is Now

19. NILE RODGERS

NILE RODGERS

L’esplosione della disco ha avuto la sua parte di detrattori, ma il chitarrista degli Chic, Nile Rodgers, ha dato loro filo da torcere con il suo marchio unico di sophisto-funk.

Il suo approccio di riff a scatti ma ballabili, i groove funk impeccabilmente arrangiati e gli assoli svettanti lo hanno reso facilmente uno dei migliori chitarristi della fine degli anni 70 e dei primi anni 80.

La sua influenza su gruppi pop new wave come i Duran Duran o anche Madonna dimostra quanto fosse avanti rispetto al suo tempo.

Reclutato da David Bowie per produrre la sua canzone commercialmente innovativa Let’s Dance, Rodgers anticipò l’evoluzione della musica pop verso suoni puliti e beat elettronici raffinati. Le migliori canzoni degli Chic sarebbero poi state campionate in tracce come Lady (Hear Me Tonight) dei Modjo e la hit hip-hop Be Faithful di Fatman Scoop, dimostrando ancora una volta che Nile Rodgers rimane il grande maestro del funk e uno dei migliori chitarristi di tutti i tempi.

Da ascoltare: Le Freak

18. JOHN FRUSCIANTE

JOHN FRUSCIANTE

Con il suo offbeat take on funk rock, John Frusciante dei Red Hot Chili Peppers è stato uno dei migliori chitarristi ad emergere dalla scena alternativa degli anni 90.

Deliziosamente eccentrico e con uno stile tutto suo, il suo modo di suonare la chitarra andava dal funk incisivo di Parliament su Give It Away alla luminosa slide guitar di Scar Tissue, le inflessioni malinconiche di Under the Bridge o l’esplorazione musicale della title track Californication dell’album.

Avendo lasciato e riunito la band diverse volte, Frusciante è stato una sorta di membro intermittente dei RHCP, ma la band deve il suo suono distintivo alla sua influenza sonora e alla sua spettacolare padronanza di pedali ed effetti. Sperimentando costantemente con passaggi funky e texture psichedeliche, il chitarrista è stato responsabile di una vera rivoluzione sonora.

Da ascoltare: Under The Bridge

17. NEIL YOUNG

NEIL YOUNG

Il cantautore canadese Neil Young non riceve sempre il credito che merita come chitarrista.

Il tanto ammirato “Padrino del Grunge” è stato il pioniere di una musica rumorosa, paludosa e folk (Like a Hurricane), spesso suonando assoli tortuosi che flirtavano con la dissonanza (Down by the River). La stupefacente serie di album importanti di Young negli anni ’70 spesso metteva in mostra entrambi i lati del suo stile unico: un mix di disperato country rock acustico e canzoni rock pesantemente distorte con assoli capaci di far saltare l’ascoltatore.

Oltre a scrivere canzoni in modo magistrale, Young non ha mai evitato di spingere i confini del suono per sopravvivere alle tendenze che cambiano. Che tu abbia un debole per Heart of Gold o per Rockin’ in the Free World, Young è sempre stato uno dei migliori chitarristi, capace di combinare lo spirito bohemien degli hippy di fine anni ’60 con l’angoscia degli outsider punk stanchi del mondo.

Da ascoltare: Like A Hurricane

16. KEITH RICHARDS

KEITH RICHARDS

Pochi chitarristi possono affermare di avere un suono tutto loro, ma l’amore di Keith Richards per il drop tuning lo mette in cima al gruppo. Indubbiamente la spina dorsale dei Rolling Stones, il potente miscuglio di rock’n’roll, blues e rhythm’n’blues di Richards ha contribuito a gettare le basi per l’ascesa del fenomeno del rock da stadio alla fine del 20° secolo.

Prima di travolgere le nostre orecchie con il suo furioso fuzzbox ((I Can’t Get No) Satisfaction) prima di attingere al potere emozionante del gospel rock (Gimme Shelter), la chitarra di Richards era una delizia appariscente che ha lasciato il segno nell’epoca.

Un tempo additato per l’abuso di droghe, ora gode di una reputazione degna dei grandi e può facilmente rivendicare il titolo di chitarrista più influente del rock’n’roll.

Da ascoltare: Gimme Shelter

15. TONY IOMMI

TONY IOMMI

Tutti conosciamo la reputazione dei Black Sabbath come gruppo rock, ma non si ripete mai abbastanza che senza i riff doomy del chitarrista Tony Iommi, l’heavy metal non esisterebbe.

Portando al suo strumento un suono scuro e minaccioso ispirato alla fabbrica di Birmingham, Iommi ha sviluppato uno stile unico per compensare la perdita dei polpastrelli in un incidente di saldatura.

Costretto a inventare un modo completamente nuovo di suonare, il chitarrista riuscì a sposare sinistri assoli di una nota e martellate infernali, contribuendo a rendere i Black Sabbath una vera forza della natura, capace di invocare lo spirito del blues pur eseguendolo con il suono mesto e sobrio di un grido di battaglia wagneriano. Iommi merita immenso rispetto per il modo in cui ha affrontato le avversità e, nel processo, ha dato vita ad un intero nuovo genere musicale.

Da ascoltare: Paranoid

14. GEORGE HARRISON

GEORGE HARRISON

Non c’era un’anima sul pianeta che non conoscesse i Beatles negli anni ’60.

George Harrison è stato ingiustamente etichettato come il “tranquillo dei Beatles” rispetto all’invincibile duo di autori di canzoni di John Lennon e Paul McCartney, quindi inizialmente non ha ricevuto il credito che meritava per tutti gli arrangiamenti e gli abbellimenti fatti alle loro canzoni. Gli ci è voluto un po’ per sbocciare come autore di canzoni, ma poi non c’è stato modo di fermarlo.

Il chitarrista ha scritto alcune delle migliori canzoni del periodo finale dei Beatles, inclusa la bellissima ballata d’amore Something e l’inno di ogni adoratore del sole Here Comes the Sun.

Ha anche raggiunto la trascendenza nella sua famosa canzone da solista My Sweet Lord, scritta in forma di preghiera. Ispirato dall’icona rockabilly Carl Perkins, Harrison portò un tocco country alla British Invasion e divenne un esperto nell’arte degli assoli dal suono morbido, capaci di evocare il desiderio spirituale e il rispetto della natura. È per questo motivo che merita di essere riconosciuto come uno dei più grandi chitarristi della storia.

Da ascoltare: Something

13. PETER GREEN

PETER GREEN

Un’anima tormentata ma un musicista estremamente dotato, c’è stato un tempo in cui la tempesta blues-rock di Peter Green avrebbe fatto mangiare la polvere ai suoi colleghi.

Un maestro del sustain e del riverbero emotivo, il vibrato di Green agitava le anime su strumentali meditativi come Albatross, così come il suo palpitante lavoro di dita su Oh Well. Attingendo ai suoi problemi personali per scrivere ballate strazianti come Man of the World o lo psych-rock da incubo di The Green Manalishi (With the Two Prong Crown), Green dimostrò che le acrobazie virtuose non erano sempre necessarie per attingere all’essenza del blues.

Con il suo tono morbido e gli assoli scintillanti, l’ex frontman dei Fleetwood Mac ha sedotto i suoi contemporanei con un’ingenuità musicale che lo ha messo al principio dei migliori chitarristi del suo tempo.

Da ascoltare: Oh Well

12. CARLOS SANTANA

CARLOS SANTANA

Artista versatile, Carlos Santana ha fuso il rock blues con i suoni latino-americani e di ispirazione africana, facendo molto di più della maggior parte dei chitarristi per ampliare la portata sonora del rock ‘n’ roll.

Con la sua band Santana e la sua cover di Black Magic Woman dei Fleetwood Mac, ha dato una sfumatura di swing gitano alla struggente composizione di Peter Green.

Il suo ritorno sotto i riflettori nel 1999 con Smooth ha ricordato al mondo il potenziale in levare e ondeggiante del suo trascendentale rock latino. Sempre inventivo, il modo di suonare la chitarra di Carlos Santana è infuocato e senza precedenti, i suoi suoni fusion dai toni caraibici mettono sempre il pubblico di buon umore, senza mai perdere il contatto con l’eleganza carnevalesca delle sue radici messicane.

Che sia per la sua partecipazione al festival di Woodstock o per aver venduto più di 100 milioni di dischi in tutto il mondo, Santana merita ampiamente il suo status di uno dei migliori chitarristi e uno dei talenti più unici della scena musicale di San Francisco.

Da ascoltare: Black Magic Woman

11. B. B. KING

B. B. KING

L’indiscusso “Re del Blues”, B. B. King è uno dei migliori chitarristi che hanno elettrificato il blues e lo hanno reso popolare al grande pubblico.

Attivo dagli anni ’50 fino alla sua morte all’età di 89 anni nel 2015, B. B. King è stato una figura di riferimento per molti chitarristi blues britannici.

Con le sue curve emozionanti e il vibrato espressivo, questo prodigio del Mississippi impugnava la sua chitarra Lucille per attingere al blues per esaltazioni dolorose (The Thrill Is Gone) o per suonare canzoni dai toni funk che denunciano le ingiustizie razziali (Why I Sing the Blues).

Anche se spesso si attiene alla scala pentatonica, B.B. King è molto più di questo. Spesso imitato ma mai eguagliato, merita di indossare la corona più di chiunque altro.

Da ascoltare: The Thrill Is Gone

10. PRINCE

PRINCE

Un prolifico autore di canzoni, una vera pop star e un’icona che ha cambiato la storia della musica, Prince era considerato, e anche giustamente, un formidabile chitarrista.

Basta ascoltare lo splendore accattivante di Purple Rain o lo shred mozzafiato all’inizio di When Doves Cry per capire il perché. Per tutti gli anni ’80 e ’90, le migliori canzoni di Prince offrivano un mix mozzafiato di pop new wave, funk rock e rhythm’n’blues che, combinato con un intelligente senso della melodia, gli permetteva sempre di mostrare il suo notevole modo di suonare alla Hendrix.

Quando a Eric Clapton, che è a dir poco un dio della chitarra, è stato chiesto cosa si prova ad essere il miglior chitarrista del mondo, ha risposto: “Non lo so, chiedi a Prince”. Un grande elogio, ma non ci è voluto molto per capire che Prince è testa a testa con i migliori chitarristi di tutti i tempi.

Da ascoltare: Purple Rain

9. JEFF BECK

JEFF BECK

Amico di lunga data di Eric Clapton, Jeff Beck è stato a lungo riconosciuto come un eccezionale musicista blues che merita ampiamente di essere considerato uno dei migliori chitarristi del suo tempo.

Dopo essersi unito agli Yardbirds negli anni ’60, Beck si avventurò nel rock psichedelico con Heart Full of Soul, creando un suono carico di fuzz con il suo pedale Tone Bender MK I. Formando il Jeff Beck Group, tornò alle sue radici, usando il vibrato per suonare una versione dura e cruda del blues (I Ain’t Superstitious) e flirtando con assoli elettrizzati di ispirazione latina (Beck’s Bolero). Anche se spesso messo in ombra da contemporanei come Clapton e Hendrix, Beck merita un elogio per la tenacia delle sue esplorazioni. Avventurandosi poi nel jazz e nel funk, i suoni che crea sono meravigliosi.

Da ascoltare: I Ain’t Superstitious

8. MARK KNOPFLER

MARK KNOPFLER

Dai bar fumosi della scena rock dei pub britannici allo stadio di Wembley al Live Aid, la chitarra immacolata di Mark Knopfler, nato a Newcastle, ha ispirato milioni di persone.

I suoi ritmi rilassati e i riff evocativi e trainanti hanno aiutato ad aprire le porte ai Dire Straits con la loro Sultans of Swing, prima di diventare una delle band più vendute degli anni ’80 con il loro inno di MTV Money for Nothing e la commovente canzone di protesta sulla guerra delle Falklands, Brothers in Arms.

Sempre commovente e gentile, Knopfler si è affermato con un suono soft rock al limite dell’easy listening, nato dal suo amore per il roots rock. “Immagino il paradiso come un posto dove il Tyne incontra il Delta, dove la musica folk incontra il blues”, disse una volta Knopfler. Lui dovrebbe saperlo: ci ha portato lì innumerevoli volte.

Da ascoltare: Sultans of Swing

7. EDDIE VAN HALEN

EDDIE VAN HALEN

Eddie Van Halen è stato un pioniere. Dai tempi di Hendrix un chitarrista che ha cambiato le regole del gioco e ha cambiato il modo di suonare musica rock.

“Al diavolo le regole”, disse una volta, e da un giorno all’altro divenne una sensazione con la sua miscela potentissima di tapping infuocato e ritmi hard rock pesanti come iceberg.

Considerato uno dei migliori chitarristi degli anni ’80, Van Halen ha portato tutta la spettacolarità e l’arroganza dell’heavy metal (Eruption) in primo piano con i suoi assoli esplosivi, definendo il suono della sua epoca al punto che, al tempo, nessun adolescente che si rispettasse avrebbe accettato di morire senza una cassetta di Van Halen nella sua auto. Anche Michael Jackson non ha resistito ad invitarlo a suonare su Beat It, che non è un riconoscimento da poco per il Re del Pop.

Da ascoltare: Eruption

6. BRIAN MAY

BRIAN MAY

Il giorno in cui Brian May mise da parte il suo sogno di diventare un astrofisico e personalizzò la sua chitarra, affettuosamente conosciuta come la Red Special, gli si aprì un mondo di possibilità.

Chitarrista solista dei Queen, la miscela di May di potenti accordi hard rock e shred neoclassici ha alimentato le opere rock deliziosamente eccentriche di Freddie Mercury (Bohemian Rhapsody) e ci ha dato assoli che hanno bombardato gli spalti (We Will Rock You).

In tutto il variegato corpo di lavoro dei Queen, è il suono distintivo di May che spicca maggiormente, che colpisce sempre l’ascoltatore con una gamma di riff scintillanti e maestosi, non importa quale genere la band tocchi. In concerto, May ha spesso reso omaggio a Jimi Hendrix eseguendo l’inno nazionale britannico, God Save the Queen, dimostrando ancora una volta che appartiene ai re del rock.

Da ascoltare: Hammer to Fall

5. CHUCK BERRY

CHUCK BERRY

La storia e l’evoluzione del rock’n’roll devono molto alle idee pionieristiche di Chuck Berry. Con la sua famosa camminata del gallo e gli assoli ispirati al rockabilly, Berry ha fissato la barra alta per gli innumerevoli chitarristi che lo hanno seguito.

La quintessenza della voce della gioventù degli anni ’50, ha messo in moto una vera e propria rivoluzione trasformando in musica le imprese di adolescenti che guidano hot rod (Maybellene) e sostenendo con entusiasmo i chitarristi itineranti (Johnny B. Goode).

Con il suo approccio unico alle introduzioni di chitarra e agli assoli brucianti, è davvero Chuck Berry che dobbiamo ringraziare per aver ispirato un’intera generazione di rocker a prendere in mano una chitarra e a percorrere la strada per realizzare i loro sogni. Sarà difficile trovare un solo chitarrista negli anni ’60 che non sia stato ispirato da lui. “Se provassi a dare un altro nome al rock’n’roll”, disse John Lennon, “potresti chiamarlo ‘Chuck Berry’.

Da ascoltare: Johnny B. Goode

4. ERIC CLAPTON

ERIC CLAPTON

Negli anni ’60, prima che arrivasse Hendrix, potevi trovare i graffiti “Clapton is God” sui muri di Londra ovvero Clapton è Dio.

Non è difficile capire perché. Dal suo stint con i Bluesbreakers di John Mayall alla sua performance con il supergruppo Cream, la padronanza di Clapton del blues basato sul folk ha continuato a impressionare per tutta la sua carriera.

Dai riff euforici di Layla di Derek and the Dominoes alla tragica sincerità di Tears In Heaven, Clapton ci ha conquistato in ogni occasione con il suo dono per il sentimento blues e la sua innata capacità di far cantare la sua chitarra.

Nel corso degli anni, ha sempre fuso il suo lavoro con suoni forti e commoventi come solo i migliori chitarristi sanno fare. L’influenza della maestria mozzafiato di Clapton e la sua continua dedizione nel far rivivere il canone del blues non può essere sopravvalutata.

Da ascoltare: Layla

3. DAVID GILMOUR

DAVID GILMOUR

Partendo dai suoni psichedelici del co-fondatore dei Pink Floyd Syd Barrett, David Gilmour e la sua iconica “Black Strat” hanno creato un suono di chitarra come nessun altro.

Atmosferico ed etereo, il senso di Gilmour per le improvvisazioni che stimolano l’anima, dal suo sfogo blues straziante su Money ai riff svettanti alle altezze celestiali di Shine on You Crazy Diamond, ha contribuito a rendere i Pink Floyd un punto di riferimento del rock progressivo.

Il suo epico assolo su Comfortably Numb è giustamente considerato uno dei più grandi momenti di chitarra di tutti i tempi, distillando perfettamente all’ascoltatore la sua capacità di evocare emozioni con ogni nota suonata. In grado di colmare il divario tra i suoni paludosi della psichedelia e il nuovo parco giochi offerto dal jazz rock, il lavoro innovativo di David Gilmour con i Pink Floyd lo rende uno dei migliori chitarristi che abbiano mai calcato il palcoscenico.

Da ascoltare: Comfortably Numb

2. JIMI HENDRIX

JIMI HENDRIX

Dopo essere arrivato nel Regno Unito nel settembre 1966, il chitarrista nato a Seattle Jimi Hendrix da solo ha rivoluzionato il rock’n’roll con i virtuosismi del suo blues elettrico.

Rubando i riflettori al dio della chitarra degli anni ’60 Eric Clapton, l’interpretazione rumorosa del rhythm’n’blues di Hendrix e i suoi assoli esplosivi suonati con i denti lo resero una leggenda. “È entrato e ha salutato tutti”, ha ricordato Clapton in seguito. Era qualcosa che nessuno avrebbe mai potuto fare meglio”.

Dalla sovrumana Purple Haze alla sua ultima cover di All Along the Watchtower di Bob Dylan, il leggendario chitarrista ha probabilmente fatto tanto per il rock’n’roll quanto Beethoven per la musica classica.

Con il suo uso disinvolto di pedali distorti e wah-wah (Voodoo Child (Slight Return)), Jimi Hendrix ha incarnato l’essenza della psichedelia, ha trasformato il suono del rock per sempre e merita veramente di essere considerato uno dei migliori chitarristi della storia.

Da ascoltare: Voodoo Child (Slight Return)

1. JIMMY PAGE

JIMMY PAGE

Il genio dietro i giganti dell’hard rock Led Zeppelin è senza dubbio il miglior chitarrista che sia mai vissuto.

La rumorosa fusione di blues rock e riff iperattivi di Jimmy Page ha preso lo spirito rivoluzionario delle innovazioni di Jimi Hendrix e le ha trasformate in pura magia. Ponendo le basi per quello che sarebbe poi diventato l’heavy metal e rock da stadio, Page amplificò la rabbia ribollente del blues (Whole Lotta Love) e il fascino dei suoni esotici (Kashmir) per fondersi con le tradizioni popolari inglesi (Stairway to Heaven).

Modellando il suo mito come un mago dei tempi antichi, ha dominato gli anni ’70 come la rock star più famosa e riconosciuta al mondo. Un talento inconfutabile, la visione di Jimmy Page del rock ‘n’ roll e del suo potere ha lasciato un segno immortale che dura ancora oggi.

Da ascoltare: Stairway to Heaven

À propos de l'auteur

Alex
Alex
Passionné de musique depuis que j'ai entendu mes premières notes de piano et webmaster à mes heures perdues. J'ai décidé de créer ce site pour vous apporter (je l'espère) des connaissances sur les instruments de musique et tester ceux que je trouve les plus intéressants pour un musicien.

Top Instrus 🎸

Partitions 🎵