Top 20 dei Pianisti Più Famosi

Il pianoforte è stato e rimane uno degli strumenti musicali più popolari e influenti della nostra storia. Ci sono stati molti pianisti famosi nel corso dei secoli, alcuni classici, alcuni contemporanei e alcuni più moderni.

Ma tutti questi musicisti avevano qualcosa in comune. Hanno ridefinito il suono e lo stile del loro strumento in un modo che ha profondamente rivoluzionato la musica.

Facciamo un viaggio musicale attraverso i tasti e scopriamo i pianisti classici più illustri del mondo.

1. Lang Lang (1982)

Lang Lang

Nato nel 1982, il pianista cinese Lang Lang iniziò a prendere lezioni di piano all’età di tre anni e non fece il suo primo recital fino a due anni dopo.

All’età di 13 anni ha vinto il primo premio nel Concorso Pianistico Internazionale Tchaikovsky per Giovani Musicisti in Giappone. Questo gli portò una notevole attenzione e segnò l’inizio di una carriera di grande successo.

Un anno dopo, nel 1996, si esibì come solista con l’Orchestra Sinfonica Nazionale Cinese davanti all’allora presidente cinese Zemin.

Nel 1997 si è trasferito negli Stati Uniti dove ha continuato gli studi con Gary Graffman, presidente del Curtis Institute of Music di Philadelphia.

Nel 1999 ottenne fama quando sostituì André Watts al Ravinia Festival in Illinois ed eseguì il Concerto per Pianoforte No. 1 in Si bemolle minore di Tchaikovsky con la Chicago Symphony Orchestra.

È stato il primo pianista cinese ad esibirsi con la Filarmonica di Berlino nel 2004, e le richieste che ha ricevuto da eventi prestigiosi hanno continuato a crescere insieme alla sua fama.

I Giochi Olimpici del 2008, la cerimonia del Premio Nobel per la Pace del 2009 e il Giubileo di Diamante della Regina Elisabetta II nel 2012 sono tra i principali eventi a cui ha partecipato.

Ha anche goduto di successo commerciale con i suoi molti album venduti e collaborazioni con superstar della musica come i Metallica e Pharell Williams ai Grammy Awards 2014 e 2015.

2. Franz Liszt (1811-1886)

Franz Liszt

Il compositore ungherese Franz Liszt è un altro di questi noti pianisti.

Liszt rivoluzionò i recital di pianoforte, non solo con la sua energia, ma anche con la posizione che adottò. Fu il primo a suonare di profilo, in modo che le sue mani rimanessero visibili al pubblico.

Conosciuto per la sua provocazione pianistica che stupiva ed entusiasmava il suo pubblico, compose tra l’altro il Liebestraum No. 3, il Valzer di Mephisto, la Sonata per pianoforte in Si minore e le famose Années de Pèlerinage.

Liszt era un vero esecutore. Lasciava veramente trasparire le sue emozioni e la sua passione attraverso le espressioni facciali e i gesti, una caratteristica che gli faceva guadagnare sia la derisione che l’ammirazione.

Guardate l’esecuzione originale di Lang Lang di Liebestraum No. 3 su un pianoforte “Steinway Spirio | r“:

3. Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)

Wolfgang Amadeus Mozart

Come compositore, Mozart non ha bisogno di presentazioni. È uno dei compositori più riconosciuti e produttivi del periodo classico.

Ma era anche un pianista incredibile, esibendosi per la prima volta davanti ad un pubblico a soli 5 anni. Era considerato da molti un bambino prodigio.

Sua sorella Nannerl (sì, aveva una sorella, e altrettanto talentuosa), quando erano bambini, una volta descrisse il suo modo di suonare come “impeccabile e di grande delicatezza”.

Il suo genio compositivo e il suo repertorio, che comprende molti classici per pianoforte, hanno sicuramente influenzato la maggior parte dei pianisti vicini e lontani.

4. Claude Debussy (1862-1918)

Claude Debussy

Celebre compositore francese e pianista, Claude Debussy iniziò a imparare a suonare il pianoforte all’età di 7 anni.

Dimostrò di avere un grande potenziale e all’età di 10 anni entrò al Conservatorio di Parigi.

Allo stesso tempo si dedicò enormemente alla composizione, che alla fine ebbe la precedenza sul suo suonare il pianoforte. Vinse il Prix de Rome con la sua Cantata  nel 1884.

Le sue maggiori influenze furono i compositori russi Mussorgsky e Borodin, così come Richard Wagner, e fu considerato una delle influenze più decisive sulla musica impressionista.

Impiegò 15 anni per scrivere la sua famosa Suite Bergamasque, completata nel 1905, e Clair de Lune, ancora più famosa, era il terzo dei quattro movimenti della suite per pianoforte.

5. Glenn Gould (1932-1982)

Glenn Gould

Il famoso Leonard Bernstein definì il pianista canadese Glen Gould “una delle più grandi cose successe alla musica negli ultimi anni!

Nato nel 1932, Gould fu considerato un prodigio fin da piccolo, si dice che imparò a leggere la musica prima di saper leggere l’inglese.

Aveva una visione interessante del suonare il pianoforte e diceva che poteva “esercitarsi mentalmente”, e che non aveva mai capito il valore della pratica intensiva, o perché i pianisti vi insistessero così tanto.

La sua musica è stata inclusa nel disco d’oro della NASA a bordo della navicella Voyager come tributo al suo lavoro.

La Glenn Gould School e la sua Fondazione continuano ad onorare la sua memoria ancora oggi.

6. Robert Schumann (1810-1856)

Robert Schumann

Il compositore e pianista tedesco Robert Schumann iniziò a suonare le scale all’età di sei anni.

Fu influenzato dal compositore austriaco Franz Schubert e dal poeta tedesco Jean Paul Richter nel 1827.

Incontrò la sua futura moglie, Clara, figlia dell’insegnante di pianoforte Friedrich Wieck, all’età di nove anni mentre studiavano insieme. Più tardi sarebbe diventata anche una famosa pianista e molte delle opere successive di Schumann furono scritte per lei.

Limitato a comporre dopo che un incidente gli danneggiò un dito, il periodo dal 1833 al 1837 si dimostrò comunque molto produttivo.

Le sue opere più famose includono Carnaval, Symphonic Etudes, Kinderszenen, Kreisleriana e la Fantasia in Do maggiore.

7. Ludwig Van Beethoven (1770-1827)

Ludwig Van Beethoven

Come Mozart, Ludwig Van Beethoven è uno dei più grandi compositori del mondo, ma era anche un pianista virtuoso del suo tempo.

Iniziò i suoi studi molto giovane e all’età di 11 anni era già molto talentuoso ed era riuscito a lavorare come organista di corte.

In seguito divenne noto per le sue composizioni e scrisse un gran numero di pezzi straordinari come la sua Sinfonia n. 9, la Sinfonia n. 4 e la Sonata per pianoforte n. 14.

Invecchiando, cominciò a perdere l’udito, ma era ancora in grado di comporre usando un registro più basso e continuò a scrivere musica.

Nessuno è veramente sicuro di cosa abbia causato la sua sordità, anche se è stato stabilito che aveva grandi quantità di piombo nel sangue.

8. Martha Argerich (1941-)

Martha Argerich

Nata in Argentina nel 1941, la famosa pianista Martha Argerich ha iniziato a suonare il piano all’età di tre anni e a otto suonò il suo primo concerto – il Concerto per Pianoforte in Re minore di Mozart.

È diventata famosa nel 1965 quando ha vinto il Concorso Pianistico Internazionale Chopin in Polonia.

Non amando i riflettori, sfuggiva l’attenzione dei media, ma esibirsi in pubblico rivelava il suo fantastico talento e la sua abilità musicale. Lei preferisce stare sul palco come gruppo, piuttosto che apparire come solista, e così suona in formato concerto dagli anni ’80.

Nel 2002 è uscito un documentario intitolato Martha Argerich, Evening Conversation come film biografico.

9. Maurice Ravel (1875-1937)

Maurice Ravel

Il compositore e pianista francese Maurice Ravel e il suo talento musicale furono rivelati già in tenera età.

Incoraggiato da suo padre, un ingegnere colto, si iscrisse al Conservatorio di Parigi nel 1889 a 14 anni e vi rimase fino al 1905.

Nel 1928 compose la sua opera più famosa, il Bolero, inizialmente come balletto con Ida Rubinstein nel ruolo principale.

Ravel fu severamente affetto da afasia durante gli ultimi cinque anni della sua vita.

Quella condizione colpì la sua vista e la sua parola e lo lasciò incapace di comporre musica, sebbene la sua creatività musicale rimase attiva come sempre.

Un’operazione per sbloccare un’ostruzione in un vaso sanguigno che riforniva il cervello non ebbe successo e morì a Parigi nel 1937.

10. Felix Mendelssohn (1809-1847)

Felix Mendelssohn

Questo compositore, pianista, direttore d’orchestra e insegnante tedesco è considerato uno dei più grandi e più famosi musicisti del periodo romantico.

Le sue prime lezioni di pianoforte gli furono impartite dai suoi genitori.

La famiglia si trasferì a Berlino nel 1811, dove studiò composizione con Carl Zelter e pianoforte con Ludwig Berger. Il primo doveva avere una notevole influenza sullo sviluppo di Mendelssohn.

Fece la sua prima apparizione pubblica nel 1818, all’età di nove anni, e a 12 anni suonò le opere di Bach per il poeta J.W. Van Goethe.

Il suo Quartetto per pianoforte No. 3 in Si minore, scritto nel 1825, fu infatti dedicato a Goethe.

L’anno seguente compose l’Ouverture di A Midsummer Night’s Dream, che, insieme alla Sinfonia Italiana (1833), Un Concerto Per Violino (1844), Due Concerti Per Pianoforte (1831, 1837) e l’oratorio Elijah (1846), sono tra le sue opere più famose.

Fondò il Conservatorio di Musica di Lipsia nel 1843 e vi insegnò composizione con Robert Schumann.

Nel 1847 la perdita di sua sorella lo devastò, tanto che pochi mesi dopo morì a Lipsia per la rottura di un vaso sanguigno.

È ammirato come uno dei più grandi compositori del periodo romantico.

11. Frederic Chopin (1810-1849)

Frédéric Chopin

Chopin è considerato il più grande compositore polacco, e la sua influenza sui compositori che lo seguirono non può essere sottovalutata.

Pubblicò la sua prima composizione a soli 7 anni. All’età di 8 anni scriveva già composizioni originali, tra cui la Polonaise in Sol minore.

Nel 1826 fu iscritto al Conservatorio di Musica di Varsavia. Nel 1829 i suoi genitori sentirono che aveva bisogno di ampliare i suoi orizzonti musicali e lo mandarono a Vienna.

Nei tre anni successivi, Chopin viaggiò in gran parte dell’Europa e alla fine si stabilì a Parigi nel 1832, dove incontrò e stabilì amicizie con artisti del calibro di Frans Liszt e Felix Mendelssohn.

Conobbe la romanziera francese Amantine Dupin, alias George Sand, e nel 1839, a Marsiglia, gli fu diagnosticata la tubercolosi.

Dopo essersi ripreso, lui e Sand trascorsero i sette anni successivi a Nohant, la casa di famiglia di Sand a sud di Parigi.

Questo periodo è stato incredibilmente produttivo per Chopin, che produsse alcuni dei suoi migliori lavori, come la Sonata in Si minore, i Notturni Op. 55 e le Mazurche Op. 56.

I suoi altri pezzi famosi includono la Fantasia-Impromptu (1834), il Notturno in Do diesis minore, Op. post. (1870) e 24 Preludi (1839).

12. Clara Schumann (1819-1896)

Clara Schumann

Mentre il suo ben più famoso marito Robert era sotto i riflettori, lei aveva molto più talento di lui. Se lui era un grande compositore, lei era un’eccezionale interprete.

Clara Schumann fu una di quelle rarissime pianiste che si distinsero in un XIX secolo dominato dagli uomini, e fu considerata una delle stelle del suo tempo.

Dopo la morte del marito nel 1856, si unì al famoso violinista Joseph Joachim e girò con lui per molti anni.

Oltre alle sue composizioni, ha eseguito opere di Brahms, Chopin e Mendelssohn.

Continuava ad incoraggiare i suoi studenti a riflettere sull’intento originale dell’opera che stavano suonando e quindi ricreare l’ispirazione del compositore attraverso la loro esecuzione. Questo metodo di riflessione ed espressione è diventato uno standard mondiale ed è stato riconosciuto persino alla Juilliard.

13. Vladimir Horowitz (1903-1989)

Vladimir Horowitz

Questo pianista di origine russa è stato un serio contendente nella categoria dei più grandi pianisti di tutti i tempi.

Le sue esecuzioni di opere di Liszt, Chopin, Rachmaninoff, Prokofiev e Scarlatti furono ammirate dalla critica e lui stesso fu lodato per la sua incredibile precisione e gamma dinamica.

All’età di 12 anni entrò nel Conservatorio di Kiev e debuttò in un concerto a Kharkiv nel 1922.

Un anno dopo, la sua esecuzione a Leningrado di più di 200 opere, suonate in 23 recital, senza alcuna prova, confermò il suo status nel mondo della musica.

Dopo essere diventato cittadino americano nel 1944, Horowitz smise di esibirsi pubblicamente dal 1953 al 1965 e non tornò negli Stati Uniti fino al 1971 e al 1984.

Poi fece un tour in Europa nel 1982, diede due concerti in Unione Sovietica nel 1986 e suonò il suo ultimo concerto ad Amburgo nel 1987.

È stato anche mentore di diversi pianisti famosi come Gary Graffman, Ronald Turini e Murray Perahia.

Fu sepolto nella tomba della famiglia Toscanini a Torino, Italia, nel 1989.

14. Sergei Rachmaninoff (1873-1943)

Sergei Rachmaninoff

Come uno dei più stimati virtuosi di tutti i tempi, Rachmaninoff incluse nel suo repertorio le opere di grandi compositori come Bach, Beethoven, Chopin, Debussy, Liszt, Mozart e Schumann (per nominarne solo alcuni).

Chaikovksy fu il suo mentore come concertista, ma i suoi prodigiosi talenti come compositore autodidatta divennero evidenti dopo che scrisse la sua prima opera a 15 anni.

Arrivò a New York nel 1918 e cominciò a guadagnare soldi esibendosi lì.

La sua dedizione alla pratica era leggendaria: suonava fino a 15 ore al giorno.

Le sue opere famose includono il Concerto per Pianoforte No. 2, la Rapsodia su un Tema di Paganini e la Sonata per Pianoforte e Violoncello in Sol minore, Op. 19.

15. Arthur Rubinstein (1887-1982)

Arthur Rubinstein

Questa pianista polacca iniziò a suonare il piano all’età di tre anni e studiò al Conservatorio di Varsavia all’età di otto anni. Ha fatto il suo debutto in pubblico a sette anni e il suo debutto europeo a 13.

La sua devozione alla pratica lo portava a passare da 12 a 16 ore al giorno, il che aumentava le sue impressionanti abilità tecniche.

Rubinstein è ancora considerato uno dei più grandi pianisti del XX secolo.

Il suo repertorio è vasto e comprende opere di Beethoven, Chopin e Mozart oltre a pezzi più moderni di Ravel, Albeniz e Stravinsky.

Ritornando sul palco della Carnegie Hall, gli fu finalmente riconosciuto il suo genio, dopo che le sue due esibizioni precedenti (1906 e 1919) avevano ricevuto reazioni poco incoraggianti.

16. Daniel Barenboim (1942-)

Arthur Rubinstein

Il pianista e compositore israeliano è conosciuto e ammirato per le sue interpretazioni di Beethoven e Mozart ed è molto rispettato per la sua leadership della Chicago Symphony Orchestra.

Entrambi i suoi genitori erano pianisti, e suo padre era un insegnante di musica di buona fama e reputazione.

Debuttò come pianista all’età di sette anni e debuttò alla Royal Philharmonic di Londra nel 1956 e in America nel 1957 alla Carnegie Hall.

Ha iniziato la sua carriera di direttore d’orchestra nel 1962 in Israele e poi in Australia. Dal 1975 al 1989 è stato direttore dell’Orchestre de Paris e nel 1989 ha accettato l’incarico con la Chicago Symphony Orchestra.

Ha militato per la pace in Medio Oriente attraverso la musica e ha co-fondato la West-Eastern Divan Orchestra, che si è esibita per la prima volta in Egitto nel 2009.

17. Sergei Prokofiev (1891-1953)

Sergei Prokofiev

Fu prima mentore di sua madre, poi più tardi di Sergey Taneyev, prima di essere istruito nella composizione da Reinhold Gliere in preparazione al suo ingresso al Conservatorio di San Pietroburgo. Dal 1904 al 1914, la sua permanenza in questo istituto si rivelò eccezionale.

Il suo talento creativo fu premiato con l’Anton Rubinstein Piano Prize per la sua composizione e superba esecuzione del Concerto per Pianoforte No. 1 in Re bemolle maggiore.

Fece la sua prima esibizione pubblica nel 1908, e poi nella stagione estiva dell’Orchestra Sinfonica di Mosca nel 1911-1912.

Viaggiando attraverso la Russia, poi a San Francisco nel 1918, suonò a Tokyo e Yokohama, e dopo esibizioni a New York, nel 1919, si stabilì finalmente a Parigi nel 1923.

Durante gli anni ’20 e i primi anni ’30, Prokofiev girò gli epicentri della musica in Europa. Tornò a Mosca nel 1933, terminò il suo appartamento a Parigi nel 1936 e fece il suo ultimo tour in Occidente nel 1938.

Negli anni che precedettero la Seconda Guerra Mondiale, eseguì in anteprima alcune delle sue più grandi opere, tra cui il Concerto per violino n. 2 in sol minore (1935), Romeo e Giulietta (1936) e Peter and the Wolf (1936).

Nel corso degli anni, il suo ritmo di lavoro quasi eccessivo ebbe ripercussioni sulla sua salute e, tra cui lo stress causato dalla censura del Partito Comunista. Morì improvvisamente nel 1953 per un’emorragia cerebrale.

Postumo, ricevette il Premio Lenin, il premio più alto dell’Unione Sovietica, per la sua Sinfonia n. 7 nel 1957.

Ecco le rare apparizioni filmate di Prokofiev:

18. Krystian Zimerman (1956-)

Krystian Zimerman

Krystian Zimerman è un pianista e direttore d’orchestra polacco, meglio conosciuto per le sue appassionate interpretazioni della musica di Chopin.

Ha iniziato a suonare il piano all’età di cinque anni, sotto la guida di suo padre. Dopo questa prima formazione, studiò con Andrzej Jasinski e vi rimase per completare la sua educazione musicale.

Nel 1973 vinse il primo posto al Concorso Pianistico Internazionale Ludwig Van Beethoven a Hradec Kralove.

Due anni dopo, nel 1975, la sua performance al Concorso Pianistico Internazionale Fryderyk Chopin fu il trampolino di lancio della sua carriera internazionale.

Fu invitato a Parigi nel 1976 da Artur Rubinstein, una decisione che si sarebbe rivelata decisiva per la sua carriera.

Sebbene sia appassionato di Chopin, il suo repertorio comprende anche opere di Liszt, Shubert, Brahms, Grieg e Bela Bartok, per nominarne solo alcune.

La sua incredibile abilità tecnica e la capacità di commuovere il pubblico con il suo modo di suonare e l’orchestrazione lasciano un contributo indelebile alla musica e al pianoforte.

La musica non è un suono. La musica consiste nell’usare il suono per organizzare le emozioni nel tempo.

19. Mitsuko Uchida (1948-)

Mitsuko Uchida

Mitsuko Uchida è considerata una delle più venerate pianiste dei tempi moderni.

Le sue esecuzioni di opere di Schumman, Schubert, Mozart e Beethoven sono stringenti e dinamiche, guadagnandosi giustamente uno status elevato nella musica classica moderna.

La sua formazione musicale iniziò veramente solo quando la sua famiglia si trasferì a Vienna nel 1960, dove si iscrisse all’Accademia di Musica di Vienna sotto Richard Hauser. Due anni dopo, all’età di 14 anni, diede il suo primo recital.

Si trasferì a Londra all’inizio degli anni ’70 e iniziò a farsi un nome negli anni ’80 con le sue esecuzioni di Mozart, espandendo in seguito il suo repertorio per includere opere di Debussy, Schubert e Beethoven.

20. Sviatoslav Richter (1915-1997)

Sviatoslav Richter

Questo pianista di origine russa è considerato uno dei più grandi della storia moderna.

La sua carriera di pianista iniziò nel 1934 e la sua incrollabile dedizione a suonare le grandi opere esattamente come erano state scritte era leggendaria.

Ha suonato in luoghi prestigiosi come la Carnegie Hall di New York ed era famoso per le sue interpretazioni di Brahm, Paganini, Handel, Beethoven e Debussy.

Credeva che un pianista dovesse studiare bene le opere e riprodurle senza alterarle.

Era anche amico dei compositori Shostakovich e Prokofiev, entrambi i quali composero opere per lui.

Come artista, preferiva suonare in un granaio in Francia piuttosto che sui grandi palcoscenici del mondo.

Conclusione

Questi sono solo alcuni dei pianisti classici più famosi della storia.

Speriamo che abbiate potuto conoscere meglio questi straordinari personaggi e che coglierete l’opportunità di ascoltare alcune delle loro registrazioni o composizioni.

Se ne abbiamo dimenticato qualcuno che avrebbe dovuto essere incluso qui, fatecelo sapere e aggiorneremo la nostra lista.

À propos de l'auteur

Alex
Alex
Passionné de musique depuis que j'ai entendu mes premières notes de piano et webmaster à mes heures perdues. J'ai décidé de créer ce site pour vous apporter (je l'espère) des connaissances sur les instruments de musique et tester ceux que je trouve les plus intéressants pour un musicien.

Top Instrus 🎸

Partitions 🎵