I 10 Migliori Pianisti Jazz

Sia che supportino un solista o che suonino da soli, i migliori pianisti jazz della storia hanno avuto un ruolo cruciale nel definire i vari stili che oggi conosciamo come jazz.

Infatti, se si guarda indietro, dal ragtime allo swing, dal bebop all’avanguardia e oltre, il pianoforte versatile è stato alla base di questo movimento.

Quindi, come parte della nostra serie sul pianoforte, abbiamo compilato una lista non esaustiva dei migliori pianisti jazz di tutti i tempi.

Non solo sono musicisti brillanti che abbracciano generazioni e sottogeneri, ma, inoltre, ciascuno ha avuto un ruolo importante nell’evoluzione della tradizione jazz.

Naturalmente ci sono molti altri musicisti che potremmo nominare, ma speriamo che questa lista vi dia un buon punto di partenza per scoprire o riscoprire alcuni di questi leggendari pianisti jazz.

10. Bud Powell

Bud Powell

Powell è l’archetipo del pianista bebop, ed è stato il primo ad applicare il linguaggio d’improvvisazione pieno di cromatismi di Charlie Parker alla tastiera.

A soli 10 anni era già in grado di imitare i pianisti di stile come Art Tatum e Fats Waller e Thelonious Monk, che fu un mentore precoce, e lo aiutò a coltivare il suo talento.

Nel 1945 fu colpito alla testa da un poliziotto, contribuendo ai problemi psichiatrici che lo afflissero per il resto della sua vita e alla qualità dei suoi lavori successivi non pari a quelli delle sue prime registrazioni.

Ha partecipato a numerose sessioni classiche con Parker, compresi gli album dal vivo The Quintet: Jazz at Massey Hall e Complete Live at Birdland.

Se dovessi scegliere un solo musicista per la sua integrità artistica, per l’incomparabile originalità della sua creazione e la grandezza del suo lavoro, sarebbe Bud Powell. Era una classe a parte. (Bill Evans)

Album chiave di Bud Powell: Jazz Giant

Questi brani in trio, con Max Roach alla batteria e Curly Russell o Ray Brown al basso, includono famosi assoli di piano come “Cherokee” e l’originale “Celia” di Powell.

Anche la serie Amazing Bud Powell, specialmente i primi due volumi, è essenziale.

9. Herbie Hancock

Herbie Hancock

Dopo aver iniziato la sua carriera con il trombettista Donald Byrd nei primi anni ’60, Hancock pubblicò Takin’ Off , che includeva il suo famoso successo “Watermelon Man” nel 1962 ed è stato certamente uno dei debutti più impressionanti nella storia del jazz.

Durante gli anni ’60 registrò una serie di album eccellenti, principalmente per Blue Note, come capo d’orchestra e “sideman”, e suonò il piano nel Secondo Grande Quintetto di Miles Davis.

Questo gruppo comprendeva anche Wayne Shorter, Ron Carter e Tony Williams e adottava un approccio sciolto alle strutture e armonie tradizionali.

Più tardi, Hancock si rivolse alla fusion, al funk e alla disco, con album elettronici pionieristici come Headhunters e Thrust. Nel 2007 il suo album di cover di Joni Mitchell (River: The Joni Letters) ha vinto il Grammy Award come album dell’anno, e la sua carriera estremamente varia non mostra segni di rallentamento.

L’album chiave di Herbie Hancock: Maiden Voyage

Hancock aveva solo 24 anni quando registrò questo classico del 1965.

Ha un tema nautico e include brani come ‘Dolphin Dance’ e ‘Maiden Voyage’, che sono diventati standard jazz.

Insieme a Herbie al piano, il gruppo comprende George Coleman al sassofono, Freddie Hubbard alla tromba, Ron Carter al basso e Tony Williams alla batteria. La sezione ritmica è quindi la stessa del quintetto di Miles Davis dell’epoca.

8. Count Basie

Count Basie

Count Basie è forse più conosciuto come il leader della big band che ha fatto vibrare i fan del jazz negli anni ’40 e oltre, ma anche i suoi talenti come pianista meritano di essere evidenziati.

È stato un pioniere dell’accompagnamento (un modo di suonare accordi per sostenere il solista) e il suo modo di suonare scarno ma efficace ha influenzato generazioni di grandi pianisti jazz.

7. Duke Ellington

Duke Ellington

Meglio conosciuto come leader della famosa Duke Ellington Orchestra, Ellington è il compositore jazz più accreditato, con canzoni come “Satin Doll”, “Mood Indigo”, “Don’t Get Around Much Anymore” e centinaia di altri standard jazz.

Tuttavia, anche se non offriva lo stesso tipo di pirotecnica strumentale di qualcuno come Art Tatum, fu anche un pianista jazz molto importante il cui suonare percussivo e minimale influenzò Thelonious Monk e altri.

Oltre alle sue dozzine di famose registrazioni orchestrali (Ellington at Newport, The Sacred Concerts, The Far East Suite, ecc.) fece una serie di eccellenti registrazioni con piccoli gruppi, mostrando il suo stile pianistico folk jazz ma, anche, sorprendentemente moderno.

Album chiave di Duke Ellington: Money Jungle

Collocando Ellington in un trio con il bassista Charles Mingus e il batterista Max Roach, Money Jungle è un intrigante incontro intergenerazionale tra tre personalità gigantesche, tutti grandi capi d’orchestra.

Quando questo disco fu registrato nel 1962, Ellington aveva 63 anni, Mingus 40 e Roach 38. C’erano tensioni tra i tre musicisti durante la registrazione e alcuni critici hanno detto che questo si notava nella musica.

Eppure Money Jungle si è rivelato molto influente e molti considerano che contenga alcune delle suonate di piano jazz più avanzate di Ellington.

Altre brillanti registrazioni di Ellington in piccoli gruppi includono Piano Reflections, Duke Ellington & John Coltrane e Piano in the Foreground.

6. Keith Jarrett

Keith Jarrett

Keith Jarrett ha visto interesse già a metà degli anni ’60 come giovane sideman con i Jazz Messengers di Art Blakey, il quartetto di Charles Lloyd e Miles Davis.

Durante gli anni ’70 ha guidato due quartetti contrastanti:

  • il suo “American Quartet”, composto da Dewey Redman, Charlie Haden e Paul Motian, suonava su melodie rauche e groovy ispirate a Ornette Coleman e a varie tradizioni popolari.
  • il suo Quartetto Europeo, con Jan Garbarek, Palle Danielsson e Jon Christensen, nel frattempo, si è concentrato su brani più apertamente melodici.

Ha avuto una lunga relazione con ECM Records e nel 1983 il produttore Manfred Eicher gli suggerì di provare una nuova direzione.

Jarrett mise su un trio con il batterista Jack DeJohnette e il bassista Gary Peacock, che si concentrava sugli standard del Great American Songbook e sul repertorio bebop, risultando estremamente popolare e registrando prolificamente fino al suo scioglimento nel 2014.

Ha anche fatto numerosi album da solista ed è un acclamato pianista classico e clavicembalista, avendo registrato opere di Bach, Handel, Mozart, Shostakovich ed altri.

L’album chiave di Keith Jarrett: Il concerto di Colonia

Si tratta di una specie di free jazz, nel senso che è un concerto di solo piano interamente improvvisato.

Ma, a differenza della concezione a volte dissonante di Ornette Coleman, Jarrett gioca su suoni con forti centri tonali per creare un suono ipnotico e altamente consonante.

Si dimostrò estremamente popolare, con oltre 3,5 milioni di vendite, rendendo The Köln Concert l’album solista più venduto nella storia del jazz, e l’album di pianoforte più venduto di tutti i tempi.

5. Dave Brubeck

Dave Brubeck

Nato nel 1920 in California, Dave Brubeck è ampiamente considerato uno dei pionieri del cool jazz.

Il suo album di successo Time Out, pubblicato nel 1959, lo ha catapultato in cima alla A-list in America, ma la sua carriera, prima e dopo, mostra un musicista di talento che non si accontenta di camminare sull’acqua.

A differenza di molti in questa lista, lui viene da un background classico (sua madre era un’affermata pianista classica) ma il suo orecchio acuto e la reticenza ad imparare a leggere la musica lo posero saldamente sulla strada del jazz.

L’album chiave di Dave Brubeck: Time Out.

Questo album seminale è una colonna portante nella maggior parte delle liste dei migliori album di jazz e il suo successo caratteristico, “Take Five”, è entrato nel repertorio standard del jazz.

L’album, pubblicato nel 1959 su Columbia Records, fu il primo disco jazz a vendere più di un milione di copie. Presenta il pianista insieme al sassofonista contralto Paul Desmond, Eugene Wright al basso e Joe Morello alla batteria.

4. Bill Evans

Bill Evans

Evans si ispirò ai bebopper come Powell e aggiunse il sapore dell’armonia classica impressionista e una sensibilità apertamente introspettiva.

Ha giocato un ruolo nello sviluppo del jazz modale, suonando in “Kind of Blue” di Miles Davis, considerato da molti come il miglior album jazz di tutti i tempi.

Il suo gruppo, con Scott LaFaro e Paul Motian, ruppe un nuovo terreno nella tradizione dei trii di pianoforte jazz. Mentre i trii precedenti avevano messo il pianista in primo piano, qui Evans, LaFaro e Motian suonavano alla pari, in modo colloquiale e interattivo.

Altre registrazioni degne di nota di Evans sono ‘Conversations With Myself’, che usa tecniche di sovra incisione insolite, o le sessioni di duetto con il cantante Tony Bennett.

L’album chiave di Bill Evans: Portrait in Jazz

A metà strada tra i primi album della sezione ritmica più diretta e le sessioni dal vivo classiche ma estremamente introspettive del Village Vanguard, questo primo disco in trio con Scott LaFaro e Paul Motian è un’eccellente introduzione al suono di Bill Evans.

3. Oscar Peterson

Oscar Peterson

Oscar Peterson era un showman alla maniera di un Art Tatum. A quanto pare il pianista jazz canadese fu sempre sia ispirato che intimidito da Tatum, anche se i due uomini divennero poi amici.

Come Tatum, Peterson fu influenzato dalla musica classica, specialmente dai concerti per pianoforte di Rachmaninoff, ma il suo lavoro è caratterizzato da un suono duro, denso e blues.

All’inizio Oscar guidò un trio in stile Nat King Cole con Herb Ellis alla chitarra e Ray Brown al basso, ma in seguito sostituì la chitarra con Ed Thigpen alla batteria.

Fece una serie di album in cui al suo trio si univa un solista ospite (Stan Getz, Sonny Stitt, Ben Webster per nominarne solo tre) e apparve anche come sideman in album importanti come quello della cantante jazz Ella Fitzgerald, Benny Carter, Coleman Hawkins e Fred Astaire.

Album chiave di Oscar Peterson: Night Train

L’album più famoso di Oscar Peterson, registrato nel 1962, presenta la classica sezione ritmica Ray Brown-Ed Thigpen. Night Train è molto swingante e accessibile, con brani abbastanza brevi, il che lo rende una perfetta introduzione per i neofiti del jazz.

2. Art Tatum

Art Tatum

Art Tatum era cieco dalla nascita e fu per lo più autodidatta come pianista, ma è considerato da molti il massimo virtuoso di tutto il jazz.

Dotato di una tecnica sorprendente, il suo modo di suonare è caratterizzato da improvvisazioni lineari decorate in modo sgargiante e voli fulminei della mano destra.

Fu anche un innovatore armonico, traendo ispirazione dalla musica classica romantica, riarmonizzando in modo complesso gli standard jazz e influenzando infine gli approcci di musicisti bebop come Charlie Parker e Bud Powell.

Più tardi nella sua carriera, Art Tatum guidò un trio nello stile di Nat King Cole con Tiny Grimes alla chitarra e Slam Stewart al basso, ma le sue registrazioni più note sono nella tradizione del piano stride solo di James P. Johnson e Fats Waller.

Art Tatum era famoso per la sua capacità di bere grandi quantità di alcool mentre suonava, senza alcun effetto dannoso sulla musica, ma sfortunatamente questo ebbe il suo prezzo sulla sua salute e morì nel 1956, a soli 47 anni.

L’album chiave di Art Tatum: Piano Starts Here

La maggior parte dei lavori classici di Art Tatum furono registrati prima dell’era degli LP, ma questa compilation include assoli classici del 1933 come “Tea For Two”, “Sophisticated Lady” e il famoso “Tiger Rag”, oltre a brani dal vivo del 1949.

1. Thelonious Monk

Thelonious Monk

Thelonious Monk ebbe un ruolo definitivo nella nascita del bebop, partecipando alle famose jam session di Minton’s Playhouse con Charlie Christian e Kenny Clarke alla fine degli anni ’30, ma il suo modo di suonare rado e spigoloso è molto diverso dal tipico suono di pianoforte bebop.

Con il suo approccio unico, quasi infantile, i critici e i proprietari di club inizialmente liquidarono questo personaggio molto eccentrico, ma arrivò poi ad essere considerato un genio precursore dei tempi a venire.

È il secondo compositore più registrato nel jazz, dopo Duke Ellington, le sue melodie spigolose hanno ispirato generazioni di musicisti e sono state oggetto di decine di album a tema Monk.

Album Chiave Monk: Thelonious Alone in San Francisco

Il terzo album per piano solo di Monk include pezzi originali e classici e dimostra che, nonostante il suo modernismo, il suo modo di suonare è profondamente legato ai pianisti di stride degli anni ’20 e ’30.

À propos de l'auteur

Alex
Alex
Passionné de musique depuis que j'ai entendu mes premières notes de piano et webmaster à mes heures perdues. J'ai décidé de créer ce site pour vous apporter (je l'espère) des connaissances sur les instruments de musique et tester ceux que je trouve les plus intéressants pour un musicien.

Top Instrus 🎸

Partitions 🎵