10 Marche di Pianoforti da Evitare

Mentre troverete decine di raccomandazioni sui migliori pianoforti sul mercato, non ce n’è praticamente nessuna sulle marche di pianoforti da evitare.

Marchi di pianoforte da evitare

Infatti non è redditizio per i commercianti di pianoforti o i blogger criticare una marca di pianoforti. In genere, se un marchio è di scarsa qualità, si concentreranno sui suoi punti forti, a scapito dei suoi difetti, o semplicemente non perderanno tempo a criticarlo o promuoverlo. Lo ignoreranno.

Tuttavia, poiché l’acquisto di un pianoforte è un investimento da non prendere alla leggera, è abbastanza comune rimanere alla fine delusi. E questo si accentua se, quando si prende una decisione, si è influenzati da recensioni online poco obiettive.

Infatti, perché comprare un pianoforte è una questione così seria? Potresti pensare che sia a causa del prezzo elevato. Tuttavia, anche se spendi una grossa somma di denaro, la parte più difficile del processo di acquisto del pianoforte non è il finanziamento.

È molto importante per un principiante esercitarsi su un pianoforte che sia almeno giusto. Altrimenti può portare a ripetere gli stessi errori di apprendimento, che poi sono molto difficili da correggere. Senza ulteriori indugi, scopriamo quali marche di pianoforti dovresti evitare a tutti i costi.

Lo scopo di questo articolo è aiutarti a prendere decisioni migliori quando comprerai il tuo pianoforte.

Marche di pianoforti verticali da evitare

Daewoo

Daewoo è un marchio coreano che ha iniziato a produrre ed esportare i suoi pianoforti nel 1976. Come la maggior parte dei pianoforti prodotti in Corea prima degli anni ’90, i Daewoo erano di scarsa qualità.

Il loro problema principale è la mancanza di stabilità di tuning e l’uso di materiali di design di scarsa qualità. C’è anche un alto rischio che i tasti del tuo pianoforte Daewoo si inceppino a causa della cattiva essiccazione del legno. Questo è un problema che potrebbe non essere risolto facilmente.

È importante sapere che non potrai ottenere pezzi di ricambio se ne hai bisogno, poiché qui ci sono pochi fornitori di pianoforti Daewoo e i tecnici locali hanno difficoltà a ripararli.

Wurlitzer

Anche se i pianoforti Wurlitzer non sono i peggiori in circolazione, è comunque meglio evitarli per diverse ragioni.

Il primo è che sono pianoforti “economici” che chiaramente non sono destinati a musicisti professionisti. La maggior parte di questi pianoforti sono molto convenienti, e questo proprio perché sono di scarsa qualità.

La seconda ragione è, per inciso, una critica spesso rivolta loro: il loro suono è povero. La maggior parte dei proprietari di pianoforti Wurlitzer concorda sul fatto che il loro suono è sordo, robotico e non tiene conto della dinamica del suonare. Se sei un musicista esperto e hai suonato alcuni pianoforti molto buoni, è probabile che rimarrai deluso. Il suono del pianoforte Wurlitzer non sarà dei migliori.

Se sei un musicista principiante, consigliamo anche di evitarli, se possibile. Esercitarsi su un Wurlitzer non sarà sicuramente piacevole. Alcuni utenti hanno detto che questo pianoforte ricorda loro un giocattolo. Chiaramente è tutt’altro che un’esperienza soddisfacente.

Detto questo, va notato che il marchio Wurlitzer ha prodotto alcuni pianoforti elettrici molto buoni dagli anni ’50 agli anni ’80. Non vanno confusi con i pianoforti acustici Wurlitzer appena citati. I pianoforti elettrici Wurlitzer sono considerati classici e appaiono in molte delle famose registrazioni musicali dell’epoca.

Samick

Come Wurlitzer, anche Samick non riuscì a soddisfare i pianisti professionisti.

Anche se ad alcuni musicisti principianti e intermedi piacciono e li raccomandano, i pianoforti Samick non sono destinati all’uso professionale. Sono strumenti poco costosi, progettati per un uso occasionale.

Anche se inizialmente può piacere il suono e la sensazione di un Samick, è probabile che questa esperienza positiva si trasformi in sensazioni negative man mano che ci si esercita e si progredisce verso pezzi più impegnativi. I pianoforti Samick non hanno una meccanica o un suono convincente e i suoi pedali sono di scarsa qualità.

Tuttavia, se il tuo desiderio è quello di suonare melodie di base con tuo figlio o di usarlo solo occasionalmente, non ci sono svantaggi nell’acquistare un Samick, solo non aspettarti molto dal suo suono.

Kranich & Bach

Kranich & Bach è uno dei marchi più antichi di questa lista. L’azienda ha prodotto diversi modelli di pianoforti verticali e a coda dal 1864 al 1985.

Tuttavia, questi pianoforti non hanno mai goduto di un’ottima reputazione, in particolare tra i tecnici di pianoforte, poiché sono sempre stati associati a una qualità costruttiva inferiore. I pianisti, nel frattempo, di solito li descrivono come “incubi” a causa delle loro tastiere dal design strano. Sono abbastanza fragili e flessibili, il che li rende strumenti di scarsa qualità.

Un’altra buona ragione per evitarli è che la maggior parte dei pianoforti in vendita sono stati costruiti molto tempo fa. A differenza di altre marche note i cui vecchi pianoforti possono essere usati di solito dopo una piccola manutenzione, i pianoforti Kranich e Bach soffrono di un grande deterioramento causato dal tempo.

Dato che l’azienda ha cessato la produzione nel 1985, è probabile che la Kranich & Bach che stai pensando di comprare abbia più di 40 anni e abbia molti problemi con cui dovrai fare i conti, prima o poi.

Marantz

Se incroci un pianoforte Marantz, scapperai immediatamente.

Marantz è un’azienda che produce e vende apparecchiature audio dal 1953 e, che si sappia, non eccelle nel fare pianoforti. Infatti, Marantz ha lanciato questa linea di pianoforti con l’intenzione di incorporare le proprie apparecchiature audio.

La maggior parte dei pianoforti Marantz sono strumenti molto economici fatti con materiali scadenti. Inoltre, sono stati fatti nella stessa fabbrica in cui venivano prodotti i loro altoparlanti stereo. Questo indica quanto poco valore e cura Marantz metta nei suoi pianoforti. Vendere le loro attrezzature audio era la loro prima priorità.

Lindner

Lindner è un’altra marca di pianoforte da evitare assolutamente per diverse valide ragioni.

La meccanica e i tasti dei pianoforti Lindner sono fatti di plastica, un materiale fragile, che li fa deteriorare nel tempo. L’uso insolito di questo materiale era dovuto al desiderio di produrre pianoforti più leggeri. Purtroppo questo approccio sperimentale non ha giovato alla reputazione di Lindner, che ora è considerato uno dei peggiori marchi di pianoforte.

Quel che è peggio è che quando servono, i pezzi di ricambio non vengono più distribuiti.

Marche di pianoforti digitali da evitare

Williams

A prima vista, i pianoforti Williams sembrano essere pianoforti decenti con grandi caratteristiche, tra cui una libreria sonora di oltre 150 strumenti, un display LCD, un impressionante sistema audio stereo e opzioni avanzate di connessione MIDI.

Tuttavia, quell’entusiasmo iniziale per il pianoforte Williams finisce quando lo suonerai per la prima volta. La delusione arriva presto, poiché nonostante le incredibili caratteristiche elencate sul loro sito web, l’esperienza dell’utente è molto al di sotto delle promesse del marchio. Se sei un musicista esperto, ti renderai subito conto che questi pianoforti mancano di elementi fondamentali essenziali anche per il pianoforte più modesto.

Infatti, la maggior parte dei pianoforti sotto i 300 euro, di marche note come Yamaha o Casio, offrono queste caratteristiche essenziali. Infatti, il prezzo basso dei pianoforti Williams non giustifica i loro difetti.

Uno di questi è la leggerezza del meccanismo dei tasti. Sono molto deboli, mentre è importante per i musicisti principianti imparare a sentire il peso dei tasti e allenare le dita di conseguenza.

Anche i tasti neri hanno una sensazione di plastica e sono molto rumorosi. Sarai infastidito a meno che non suoni il piano a tutto volume. Tieni presente che non dovresti sentire quel suono di plastica quando colpiscei i tasti su un pianoforte digitale corretto.

Infine, il suono del pianoforte Williams è abbastanza eterogeneo, poiché premendo due tasti diversi con la stessa pressione non produrrai necessariamente lo stesso volume. Così un tasto produrrà un suono più morbido mentre un altro ne produrrà uno più forte. Questo è un grosso problema per i principianti, poiché stanno ancora imparando il tocco dinamico (applicare più o meno pressione sui tasti per rendere il suono più forte). Questo sarà difficile se i tasti non reagiscono correttamente alla pressione delle dita.

Quindi, questa marca non è adatta ai musicisti principianti che hanno bisogno della sensazione autentica ottenuta con i tasti di un pianoforte acustico tradizionale. Se hai un budget limitato, si consiglia di comprare pianoforti economici di marche come Yamaha, Casio, Roland o altre, che le daranno un’occhiata alle tue qualità fondamentali.

Artesia

Artesia è sicuramente una delle peggiori marche di pianoforti digitali.

Come altri pianoforti di fascia bassa, i pianoforti Artesia hanno un meccanismo di azionamento dei tasti assolutamente scadente. I tasti sono molto rigidi e questo li rende difficili da premere con delicatezza. Questo riduce molto la capacità del pianista di modulare il suo modo di suonare come potrebbe fare con un autentico pianoforte acustico.

Di nuovo, il suono del pianoforte Artesia è incoerente: i suoi tasti non sembrano appartenere allo stesso pianoforte.

Ci sono anche alcuni problemi molto preoccupanti nel suo suono, il principale è che le note sono stonate. Se suoni un’ottava su un pianoforte Artesia, non sentirai l’intervallo all’unisono che dovresti sentire. Per quanto possa sembrare ridicolo, significa che il suono del pianoforte stesso è stonato, e questo non è certo qualcosa che dovresti tollerare anche in un pianoforte modesto.

Infine, c’è l’assenza di una caratteristica molto utile per la maggior parte dei pianoforti digitali, cioè la possibilità di cambiare il tempo della canzone MIDI che viene letta dalla scheda SD inserita. Questa è comunque una caratteristica molto utile quando si imparano le canzoni.

Suzuki

Suzuki è un marchio famoso nell’industria automobilistica, ma dei loro pianoforti, invece, dovresti diffidare!

L’azienda Suzuki che produce pianoforti è un’entità indipendente dal resto del marchio e i pianoforti sono prodotti da una fabbrica di pianoforti digitali indipendente situata in Cina.

Il problema più grande dei pianoforti Suzuki è che hanno un meccanismo di azionamento dei tasti scadente. Un pianoforte acustico convenzionale ha tasti pesati, che permettono all’utente di produrre un suono più forte o più dolce a seconda di quanta pressione viene applicata con le dita. Quando non si esercita alcuna pressione e si premono i tasti molto delicatamente, non si dovrebbe sentire alcun suono.

Tuttavia, i pianoforti Suzuki non rispondono correttamente alla pressione delle dita. Producono suono anche quando i tasti sono appena premuti, il che riduce molto l’autenticità del suonare. Questo è un problema serio per i principianti che cercano di padroneggiare la dinamica.

Un’altra ragione per evitare questi pianoforti è il suono artificiale e distorto. Questo non è necessariamente un problema quando ci si abitua col tempo, ma riduce l’autenticità del suonare il pianoforte. L’esperienza dell’utente sarà molto lontana da quella che si sarebbe sperimentata con un vero pianoforte acustico.

Gewa

Con sede in Germania, Gewa è un marchio specializzato in accessori musicali di qualità, ma ha mancato di stupire i pianisti con i suoi pianoforti.

Il problema principale dei pianoforti Gewa sembra derivare dal loro sistema di altoparlanti. A causa della loro strana ingegneria, il suono non esce dagli altoparlanti come dovrebbe. Il risultato è un suono molto nasale e “cartonesco”.

Anche se preferisci suonare il piano con cuffie stereo, il volume è basso e inadeguato, anche all’impostazione massima.

Un’altra ragione per evitare questa marca è la fluttuazione del volume tra i diversi tasti. La stessa pressione del dito su un tasto non produce lo stesso volume su un altro. Per esempio, una pressione moderata sul Fa# nell’ottava media produrrà un suono significativamente più forte della stessa pressione sul Fa nella stessa ottava.

Conclusione

Queste sono le dieci marche di pianoforti da evitare il più possibile. Spero che questo articolo ti sia stato utile.

Di nuovo, non è inteso ad offendere nessuno, ma piuttosto a guidarti nei processi di acquisto del pianoforte.

Se vuoi aggiungere qualcosa a questa lista o raccontare la tua esperienza con un pianoforte particolarmente scadente, sentiti libero di commentare sotto questo articolo o di contattarmi!

À propos de l'auteur

Alex
Alex
Passionné de musique depuis que j'ai entendu mes premières notes de piano et webmaster à mes heures perdues. J'ai décidé de créer ce site pour vous apporter (je l'espère) des connaissances sur les instruments de musique et tester ceux que je trouve les plus intéressants pour un musicien.

Top Instrus 🎸

Partitions 🎵